Ho circa 250 gr di manzo e 2 carote lessati, li passo nel mixer aggiungendo 100 gr di mandorle pelate e tritate, 1 uovo, 1/2 cucchiaino di cumino e 1/2 di coriandolo, aggiusto di sale e pepe e aggiungo un pizzico di peperoncino. Riduco quest’impasto in polpette grandi quanto una noce, le passo brevemente nella fariana e le faccio dorare in padella con un po’ d’olio d’oliva.

Nel frattempo trito finemente 1 cipolla, prezzemolo e coriandolo tanto da averne 2 cucchiai. In una grande padella che possa contenere le polpettine in uno strato unico, metto un po’ d’olio d’oliva che scaldo a fuoco medio, aggiungo la cipolla tritata, 2/3 cucchiai di polpa di pomodoro, 2 cucchiai di concentrato di pomodoro sciolto in 2 tazze d’acqua calda, sale, pepe e peperoncino, faccio addensare la salsa brevemente e aggiungo le polpette, 1/2 cucchiaino di cannella, 1/2 di cumino, 1/2 di zenzero in polvere, il coriandolo e il prezzemolo tritati, scaldo brevemente e porto in tavola con riso pilaf.

Questa è sopratutto una ricetta di ricordi che si mescolano, le polpette con le mandorle appartengono alla cucina ebraica  delle feste mentre la salsa è di origine greca, l’assaggiai tanti anni fa sulla bellissima isola di Karpatos, ho così unito un gusto famigliare ad un bel ricordo di viaggio, così lontano e così vivido, quando la giovinezza e l’amore non ponevano limite alcuno al mettersi in gioco.

Annunci