4/5 mele possibilmente biologiche, la buccia di 1 limone nn trattato, zucchero di canna, zenzero in polvere, il contenuto di 1 baccello di vaniglia e la scorza, 2 cerchi di pasta sfoglia sottile.

Sbuccio e taglio a fette le mele e le condisco con qualche goccia di limone, zucchero qb, 1 cucchiaino di zenzero, il contenuto del baccello di vaniglia e le lascio riposare.

Lavoro la sfoglia fino a farne 2 cerchi da 25/26 cm belli sottili, fodero la teglia con carta forno o con burro e zucchero, vi adagio la sfoglia e le mele pareggiandole bene, aggiungo la scorza di vaniglia intera e ricopro con il secondo cerchio di pasta in modo da ottenere una scatola ben chiusa intorno ai bordi, bucherello con una forchetta e inforno a forno caldo 180° fino a doratura della superfice. Servo con pana montata, crema inglese o gelato alla vaniglia.

Spesa per 8/10 persone 2 kg di finocchi, 1 provola bianca, parmigiano, farina, burro, pangrattato. Pulisco, taglio a fette i finocchi e li faccio scottare in acqua e sale. Li scolo conservando l’acqua di cottura con la quale faccio una salsa bianca ( burro, farina 5 cucchiai e poco più di 1/2 l di brodo di cottura, sale,pepe), imburro una pirofila e stendo un primo strato di finocchi, condisco con parte della salsa, fettine di provola e parmigiano grattuggiato, adagio sopra il secondo strato di finocchi che condisco il resto della salsa, la provola e una spruzzata di pangrattato, infiocchetto con pezzetti di burro e inforno a forno caldo 180° fino a quando vedo formarsi una bella crosticina sull’ultimo strato di verdure. Ottimo piatto per una sana cucina vegetariana!

La spesa per 8 persone: 1 kg di filetto di salmone, 2 albumi, 200 gr panna, 1 limone, cerfoglio, prezzemolo, qualche fettina di lardo, sale e pepe bianco. Passo il salmone, ben disliscato, alla moulinette fino ad ottenere una crema omogenea, aggiungo le chiare d’uovo, la panna, il cerfoglio e il prezzemolo tritatii nella misura di 1 cucchiaino, sale e pepe bianco qb. amalgamo bene tutti gli ingredienti e lì verso in uno stampo in silicone, ricopro la parte superiore con qualche fettina di lardo in modo che rimanga morbida.

Accendo il forno a 180 gradi e quando è caldo cuocio la mia terrina a bagnomaria in uno stampo più grande pieno d’acqua per 40 minuti ca.

Nel frattempo con i tuorli avanzati monto una mayonnaise, la condisco con poco sale, pepe e un’altro cucchiaino di erbe tritate, aggiungo qualche goccia di limone e 1 cucchiaio di panna.

A cottura ultimata sformo la terrina e quando è ben fredda la taglio in fette che poso su un letto d’insalata e ricopro con la salsa mayonnaise.

La spesa per 10/12 persone: 60 biscotti savoiardi, caffè qb, 1 kg mascarpone, 400 gr zucchero, 12 uova

Per prima cosa faccio una buona quantità di caffè, tanto da servire a bagnare tutti i biscotti, lo zucchero appena e attendo che si freddi, nel frattempo monto nella planetaria 12 rossi con 400 gr di zucchero fino a farli diventare ben spumosi, aggiungo con una spatola il mascarpone lavorandolo delicatamente dall’alto al basso fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.

Mi procuro un recipiente rettangolare dove ci stiano 30 biscotti che immergo velocemente nel caffè uno per uno facendo in modo che nn si bagnino troppo, li appoggio delicatamente nel piatto e li ricopro con metà della crema, ricomincio l’operazione e quando ho finito anche il secondo strato lo ricopro con il resto della crema.

Riservo, coperto, in frigorifero per almeno tutto il pomeriggio, prima di servire spolvero con cioccolato amaro di buona qualità.

Per accompagnare polenta, riso, patate o altra verdura questo ragout è assai gradevole, veloce, di facile esecuzione e nn troppo costoso.

Mi procuro 1 kg. ca di ottima luganega fresca, trito 2/3 cipolle, affetto 2 carote e schiaccio 2 spicchi d’aglio, li soffriggo in poco olio d’oliva, aggiungo la luganega tagliata in tocchetti piuttosto piccoli, faccio prendere sapore girando spesso e bagno infine con 1 bicchiere di vino rosso, evaporato il vino, aggiungo 3 cucchiai di concentrato di pomodoro sciolti in 1 tazza d’acqua calda e lascio cuocere a fuoco dolce per 30 min. ca, verso fine cottura posso aggiungere, se piacciono, qualche fungo passato precedentemente in padella.

Nel frattempo preparo una besciamella molto lenta con 1/2 litro di latte e 2 cucchiai scarsi di farina, condisco con poco burro, noce moscata, pepe nero, sale qb.

Preparo la polenta o gli ingredienti che desidero per accompagnare il ragout, in forma di corona e verso all’interno la salsa preparata, porto in tavola con una ciotola di parmigiano grattuggiato.

Le dosi servono 10/12 persone.

La spesa per 4/6 persone: 1 pollo, assolutamente nn d’allevamento intensivo, tra 1,8 e 2 kg di peso, diviso in 6/8 porzioni, 500 ml di panna fresca liquida, 1 confezione di champignons de Paris già lavati e tagliati a fettine, 1 cipolla, olio d’oliva, burro qb
In una larga padella soffriggo in olio e burro i pezzi di pollo appena passati nella farina e quando hanno preso una bella colorazione dorata li trasferisco in casseruola dove ho fatto sciogliere una noce di burro, aggiungo la cipolla tagliata in grosse fette, sale, pepe e sfumo il tutto con 1/2 bicchiere di vino bianco.
Abbasso la fiamma, aggiungo quasi tutta la panna e lascio cuocere almeno 30 min. dolcemente, girando il pollo di tanto in tanto, facendo in modo che nn si attacchi al fondo.
Nel frattempo passo i funghi in padella con poco olio o burro, come preferisco, in modo che rendano tutta l’acqua, salo a gusto solo alla fine.
Passati i 30 min. di cottura del pollo aggiungo i funghi e proseguo ancora fino a che la carne sia tenera, quindi metto da parte i pezzi del pollo e li mantengo al caldo, passo la salsa al mixer, aggiungo solo se necessario sale, pepe o panna.
Servo il pollo nappato di salsa alla crema con un riso pilaf o un risotto bianco.

DSC01857La spesa per 4/6 persone: 500 gr abbondanti di ciliege, 50 gr farina 00, 60 gr farina di mandorle, 60 gr zucchero, 4 uova, 1 bicchiere di latte scaldato con 1/2 bacello di vaniglia, 40 gr burro salato fuso a bassa temperatura, un pizzico di sale.
Accendo il forno a 210°.
Lavo e levo il nocciolo alle ciliege, in una capace scodella mescolo le due farine con il sale e lo zucchero e incorporo, una per una, le 4 uova, aggiungo il latte tiepido e il burro fuso.
Imburro e fodero con abbondante zucchero una pirofila 20/22 cm diamentro, metto sul fondo le ciliege snocciolate e ricopro il tutto con la pastella appena preparata.
Inforno e lascio cuocere 10 min. a 210° poi abbasso la temperatura a 180° e lascio finire di cuocere per altri 20 min. ca.
Faccio raffreddare fuori dal forno e servo spolverato di zucchero, tiepido o freddo, a scelta.

la spesa per 4: pane casereccio, 3 peperoni belli carnosi, paté di olive, capperi sotto sale, prezzemolo, basilico, aglio, olio extravergine oliva
Taglio il pane in tranci (2 pp) che faccio grigliare leggermente da ambo i lati, tolgo la pelle ai peperoni mettendoli sotto il grill o sulle braci di un barbeque, li pulisco bene e li taglio in filetti della larghezza di 1 cm., li condisco con poco olio, 1 manciata di capperi sciacquati dal sale,una punta d’aglio tritata insieme ad un mazzetto di prezzemolo, sale e pepe qb.
Spalmo un buon strato di paté di olive sul pane abbrustolito, vi appoggio delicatamente qualche fettina di peperone, scaldo il tutto qualche minuto nel forno e mando in tavola guarnito con foglie di basilico, pepe nero e un filetto d’olio.
Più che buono…delizioso!

La spesa per 4/6 persone: 2 stinchi di bue, 3 scalogni, 1 cipollotto, vino rosso, brodo, margarina. Trito gli scalogni e il cipollotto e li faccio dorare leggermente in 1 cucchiaio di margarina, aggiungo gli stinchi e rosolo bene il tutto, quindi sale e pepe qb, spruzzo con 1 bicchiere di vino rosso e lascio evaporare. Copro la casseruola, abbasso la fiamma e lascio cuocere dolcemente per 2 h 1/2 aggiungendo, al bisogno, poco brodo insaporito con erbe profumate. Passo il sugo al cinese premendo bene per far uscire tutti i sapori, elimino la parte grassa, deglasso la casseruola con poco brodo e aggiungo il succo ottenuto alla salsa. Servo affettato con contorno di patate duchessa, il tutto nappato con parte della salsa, mando in tavola il resto in una salsiera.

Immagineto

La spesa: 4 melanzane di media grandezza, 4 carote novelle, 2 pomodori perini maturi, 3 scalogni, 1 limone nn trattato, 1 cucchiaio di semi di finocchietto, olio extravegine di oliva, coriandolo in foglie, vino bianco.

Taglio le melanzane in 4 spicchi e levo i semi, le taglio ancora in pezzi e le metto in uno scolapasta con poco sale, pelo e affetto le carote, trito gli scalogni e affetto il limone. In una casseruola verso poco olio, gli scalogni tritati, i semi di finocchietto e soffriggo dolcemente senza far prender colore, aggiungo una spruzzata di vino bianco, lascio evaporare, sciacquo le melanzane dal sale e le asciugo in un canovaccio, le metto in pentola insieme alle carote, i pomodori e le fette di limone esattamente in quest’ordine. Copro e lascio sobbollire per 5 min. poi giro con cura le verdure in modo che i sapori si mischino bene, ricopro e lascio cuocere ancora 20 min. ca a fuoco dolce.

A cottura ultimata aggiusto di sale, pepe e limone, se necessita, verso le verdure nel piatto di portata e lascio raffreddare, prima di servire (meglio se riposano in frigorifero 1/2 giornata) aggiungo una buona dose di coriandolo fresco tritato.

 

Immagine,

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 182 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: